Vita alla base

Il Centro Velico Caprera è una scuola dove si impara ad andare in mare in modo semplice e diretto. La vita al Centro è organizzata come la vita di bordo. La partecipazione ai corsi pertanto richiede attitudine positiva, spirito di adattamento e capacità di convivenza. Le norme comportamentali che regolano la convivenza alla base sono raccolte in un regolamento che tutti sono tenuti a rispettare, pena l’espulsione dal corso e l’allontanamento dalla base.

Didattica

La vita alla base è organizzata come quella di una grande barca di cui gli allievi formano un unico equipaggio.

Le lezioni alla lavagna sono finalizzate a introdurre i fondamenti teorico-­tecnici che troveranno la loro immediata utilità una volta imbarcati.

Le esercitazioni a mare vengono organizzate giorno per giorno dagli istruttori, in modo da accrescere progressivamente la fiducia dell’allievo nei propri mezzi e nell’imbarcazione e permettere che possa impratichirsi nelle manovre previste nel programma. Anche se ogni singolo corso persegue obiettivi specifici, la finalità del Centro Velico Caprera è quella di formare velisti in grado di destreggiarsi su un’ampia tipologia di imbarcazioni. Dalle derive da iniziazione a quelle più sportive, dai piccoli cabinati da crociera giornaliera a quelli più performanti, fino ad arrivare alla navigazione d’altura.

Un percorso completo e ricco di esperienze diverse che porta l’allievo a una conoscenza approfondita delle barche utilizzate, delle tecniche di navigazione e soprattutto di quell’equilibrio unico tra rispetto e confidenza con il mare che rende donne e uomini marinai.

La sicurezza

La sicurezza in mare è un tema fondamentale negli insegnamenti della scuola.
A ogni livello di corso viene assegnato un perimetro di navigazione. Le esercitazioni delle imbarcazioni più piccole vengono svolte sempre sotto il controllo e la supervisione dei mezzi di assistenza. Allievi e istruttori si imbarcano sempre dopo aver indossato il giubbotto salvagente e sbarcano solo dopo aver controllato l’efficienza delle attrezzatura e segnalando le eventuali avarie.

Nei corsi di deriva l’allievo, fin dalle prime lezioni, viene messo in condizione di contrastare lo sbandamento dello scafo e in caso di “scuffia” sperimenta le tecniche di raddrizzamento dell’imbarcazione.

Le quotidiane esercitazioni a mare vengono sempre modulate in considerazione dell’evolversi delle condizioni meteo ­marine e, a insindacabile giudizio del Capo Base, in casi estremi vengono annullate.

Il rispetto dell’ambiente

La tutela e lo sviluppo di una sensibilità verso l’ambiente sono parte integrante dell’insegnamento e dei valori della Scuola. L’allievo acquisisce la consapevolezza di vivere in luogo unico all’interno di un Parco naturale nazionale, un patrimonio prezioso da custodire, ricevuto in dote da coloro che lo hanno preceduto e da consegnare intatto a chi verrà dopo di lui.

La comandata

La cucina, così come la manutenzione delle attrezzature, sono affidate a personale specializzato.

Tuttavia una volta a settimana a ciascun allievo spetta il turno “di comandata” durante il quale, simulando la vita di equipaggio e coordinati dal personale della base e dagli istruttori, svolge diverse mansioni che concorrono all’ordinario funzionamento della base.

Equipaggiamento indispensabile di base

Oltre dall’abbigliamento tecnico specifico, per ciascun corso è necessario che nel bagaglio individuale siano previsti: sacco a pelo, il necessario per l’igiene personale, dotazioni di piccolo pronto soccorso, tessera sanitaria, torcia a pile, occhiali da sole (meglio se con montatura non metallica), coltello da marinaio con smanigliatore e punteruolo o una pinza pieghevole multiuso. Come vestiario, è consigliato portare diversi cambi adatti per la vita all’aria aperta: almeno un capo in lana anche nei mesi più caldi, magliette a maniche lunghe e berretto per ripararsi dal sole, tute e capi sportivi. Da evitare valigie rigide e ingombranti che difficilmente trovano una collocazione nelle camerate o negli stipetti dei cabinati.

Alimentazione

Il Centro garantisce pasti senza glutine a tutti i celiaci partecipanti ai suoi corsi stanziali in base. Il Centro Velico Caprera è anche nel network AFC (Associazione Italiana Celiachia).
Diamo disponibilità anche alla gestione di altre gravi intolleranze alimentari, quando certificate dal medico: è necessario in questo caso segnalarlo in Segreteria, allegando il certificato medico, per una valutazione preventiva al momento dell’iscrizione.

Spaccio

Alla base è presente uno spaccio dove è possibile acquistare abbigliamento velico, bevande, snack, articoli di corredo marino o di prima necessità.

Nuoto

Il requisito richiesto per frequentare qualsiasi corso del Centro velico Caprera è di saper nuotare. Il primo giorno dei corsi di iniziazione è prevista la prova di nuoto.